lunedì 28 gennaio 2008

Mezza maratona di S. Gaudenzio : non ci credo ancora..


Aspettavo questo momento da più di un anno col dente avvelenato perchè nella scorsa edizione della Mezza maratona di S. Gaudenzio un volontario poco zelante aveva indirizzato un numeroso gruppo di concorrenti ,tra i quali il sottoscritto, sull'errata via compromettendo la gara degli stessi inviperiti perchè costretti ad essere esclusi dalla graduatoria finale.
Il ricordo che mi era rimasto concernente l'organizzazione della gara era positivo per cui dopo l'abbuffata di gare iniziata lo scorso ottobre e terminata nel giorno della Befana con la Maratona sul Brembo causa fastidiosa pubalgia mi ero ripromesso di staccare la spina e riprendere le competizioni a Casalbeltrame (NO) in occasione di questa mezza.
Sinceramente il morale alla vigilia dell'appuntamento non era dei migliori perchè malgrado i sapienti trattamenti fisioterapici operati dall'amico Cris non sono riuscito a debellare questa fastidiosissima pubalgia che nei primi km. di gara mi costringe a stringere i denti ed a correre non al meglio delle mie possibilità in quanto frenato e timoroso di peggiorare la situazione.
Come ben sanno i miei più assidui lettori sono molto poco propenso ad allenarmi mentre riesco ad essere felice soltanto mentre gareggio in compagnia dei numerosi amici per cui ho deciso d'adottare la strategia utilizzata alla fine dello scorso anno e cioè di correre solo 10 km in settimana e di gareggiare la domenica. Inaspettatamente ho riabbracciato gli amici cuneesi Alessandro col quale ho condiviso qualche IM e Walter conosciuto quest'anno al Powerman Zofingen ,fortissimo podista classificatosi nono assoluto. Un grosso applauso a quest'ultimo anche se mi sono già complimentato con lo stesso a fine gara.
L'inusuale temperatura brianzola di primo mattino con 9 gradi mi rendeva piuttosto contento perchè pensavo di poter correre senza dover combattere col freddo invernale ma l'entusiasmo si è affievolito notevolmente quando arrivato nel novarese con mia grande sorpresa ho ammirato prati brinati e strade ricoperte da un velo di ghiaccio....
Per fortuna che l'organizzazione aveva a disposizione un capiente palazzetto dello sport dove gli atleti potevano sostare per cambiarsi ed attendere al calduccio l'ora X. Infatti ho atteso con WW sino alle 9.15 poi siamo usciti per il tradizionale riscaldamento e l'aria era davvero frizzante tanto che non vedevamo l'ora di partire e scaldarci durante la gara. Il percorso quest'anno è stato radicalmente cambiato e si è rivelato molto scorrevole eccezion fatta per due cavalcavia con l'ultimo diabolicamente piazzato a poco più di 3 km. dall'arrivo e deleterio per i quadricipiti dei partecipanti.
Sin dai primi istanti di gara mi sono accorto che le gambe trasmettevano sensazioni molto positive e udendo i parziali al km "sviscerati" dagli altri corridori mi chiedevo se i cartelli posizionati a bordo strada fossero corretti perchè si viaggiava a ritmi per me impensabili in questo periodo! Ero seriamente preoccupato perchè l'esperienza m'insegna che questi inizi pimpanti presentano un conto salato col passare dei km. ma questa volta ho voluto tentare il tutto per tutto ed assecondare l'inaspettata brillantezza di giornata. Ho fatto gara praticamente da solo tenendo come riferimento un gruppetto di quattro atleti raggiunti poco prima del secondo calvalcavia e poi superati nel finale soffrendo sino al traguardo perchè conscio d'aver la possibilità di fare la gara della vita per quanto riguarda una mezza. Forse l'aver staccato per tre settimane ha concesso al fisico l'opportunità di ricaricare le batterie e riacquisire la reattività perduta. Ora non so se riuscirò a mantenerla ma almeno per un giorno ho riassaporato la gioia di correre in modo leggiadro senza essere il pachiderma appensantito di alcune scialbe prestazioni tipo la Milano Marathon. Una volta tanto concedo un encomio anche a me stesso arrivato 4° di categoria.
Prossimo appuntamento domenica prossima nel regno del Gira a Zola Predosa (BO) per il trofeo Lolli un'altra mezza che molto probabilmente correrò sottoritmo perchè la sera precedente all'evento sarò con immensa gioia presente alla cena sociale del Granarolo e quindi pagherò a livello prestazionale la prevedibile serata di stravizi ....

God bless you !

12 commenti:

Bellabigo ha detto...

Un inchino al tuo 4° posto di categoria... quanto ci hai messo?

AME ha detto...

non ti devi inchinare...e sono dispiaciuto nel comunicarti che il primo comandamento del blog prevede l'impossibilità di pubblicare tempi e classifiche relative alle prestazioni dell'Ironmerd.ho già osato troppo comunicando il mio 4° posto di categoria. Spazio ai risultati ed ai complimenti per i piazzamenti ottenuti dagli amici mentre solo il racconto delle emozioni per quanto riguarda il sottoscritto.Spero tu capisca la mia filosofia e non ne abbia a male per cui quando sarai protagonista alla Ferrara marathon sarò ben lieto di lodarti o bacchettarti :-)

Bellabigo ha detto...

capisco in pieno, ti fa onore!

kaiale ha detto...

grande Ame.

un'altra bella gara portata a casa!

io invece gareggerò come sai il 17: 1/2 maratona...ma soft

intanto sto cercando delle ruote economiche per la MERIDA che Max brighinid(della flipper) mi regala

Santi Pons ha detto...

Zio Ame,
un'altra marationina!bravo bravo ... soltanto ne mancano un paio, la maratona e poi, miracolo, la bici ;-)))))

AME ha detto...

@santi: il miracolo l'ha fatto domenica S.Gaudenzio perchè era un anno che non mi sentivo così in forma...:-)))))

Monto75 ha detto...

come già anticipato su skype.......... grande Ame!!!
se da infortunato fai questi tempi, chissà quando sarai in forma!!!!!

AME ha detto...

@Monto: domenica ero in uno stato di grazia irripetibile e come ti ho già accennato questo rimarrà vita natural durante il mio miglior tempo su una mezza maratona :-) ma siamo sicuri che ero io?.......

Walter ha detto...

Ti ringrazio per gli immeritati complimenti!
Ovviamente non posso che ricambiarli! Considerando i dolori, il freddo infame di domenica e soprattutto la tua ammissione di essere scarsamente allenato, hai dimostrato di avere ancora ampi margini di miglioramento!

Bonny ha detto...

Grande Ame: la classe non è acqua! Più forte anche degli acciacchi fisici! Sei uno Steelman, altro che Ironman. Avessero i miei tendini un pò della materia prima che hai tu...
Complimenti!

Bonny

AME ha detto...

@WALTER: non ci sono periodi in cui sono più allenato di altri perchè non sono quasi mai totalmente in stand by e devo vivere alla giornata in base al responso delle gambe in quella determinata gara. Credo che quella di domenica sarà irripetibile non avendo nella mia filosofia l'idea di preparare una competizione...
non ho mai ambito a raggiungere determinati tempi magari potrei farlo ma dovrei allenarmi con giudizio e la cosa non me gusta :-)

@Bonny: Grazie per la stima ma io sono solo un Ironmerd :-)

Santi Pons ha detto...

Mama mia ... 3'44/km ... Grande Ame!!!