lunedì 26 febbraio 2007

Maratona delle Terre Verdiane

Con Alessandro e Corrado
 con Gregorio Zucchinali e il Pres Di Nardo


l'arrivo di SpiderAME :-)

  dopo la doccia...... Martino, SpiderAME, Nerino,Pio, Stefano


Classico ed imperdibile appuntamento per il sottoscritto alla fine di febbraio risulta essere la Maratona delle Terre Verdiane, una competizione che mi vede presente tutti gli anni ai nastri di partenza sin dall'anno 2000. E' una competizione, a mio modo di vedere, ricca di fascino perchè lungo il tracciato si attraversano centri che hanno un passato ricco di storia come Fontanellato (PR) dove si può ammirare la sua grandiosa Rocca , così come a Soragna (PR)per non parlare di Roncole Verdi (PR) casa natale del Maestro. L'arrivo in piazza a Busseto (PR) nei pressi della statua dedicata a Giuseppe Verdi è sempre un'emozione immensa. Il mai domo organizzatore della kermesse parmigiana Giancarlo Chittolini è riuscito a creare un progetto podistico che comprende quattro competizioni all'interno della stessa manifestazione. Per tutte la partenza avviene contemporaneamente dall'amena località di Salsomaggiore Terme (PR) ed oltre ai canonici 42,195 km della maratona prevede il primo traguardo dopo 10 km. a Fidenza per la "Salso-Fidenza", al km.22 per la "14 Miglia" di Fontanellato, al km.31 a Soragna per la "Corsa del Principe". Lo sforzo organizzativo è dunque di prim'ordine e va dato atto che malgrado qualche disguido per il trasporto delle borse degli atleti dal luogo di partenza alle varie località d'arrivo, la macchina messa in piedi dal sopraccitato Chittolini funziona egregiamente.
La discesa dal letto domenica avviene di buon ora e alle 6.10 sono già in macchina con Roberto "Osso" Fabbri e il suo fido scudiero Tommaso. Il viaggio scorre veloce e poco prima delle 8 abbiamo già espletato l'annoso ritiro sia del pettorale che del pacco gara. Innumerevoli gli incontri con gli amici podisti tra i quali vi è la solita folta rappresentanza dei Runners Bergamo capitanati come sempre dai due capisaldi del sodalizio orobico ossia il Presidente Di Nardo ed il segretario Zucchinali.
Il Palazzo dei Congressi della rinomata località termale si riempe in un attimo e rivedo con piacere in successione Davide "Mangiastrada",Marco Scotti con la moglie Amanda,i fantastici genitori dell'atleta mandellese Massimo e Luigia, ma non riesco a scorgere Dario "Daddo" Nardone nè la Miky con i quali mi ero accordato per una foto di gruppo. E' giunta l'ora di consegnare le borse ,fare almeno un paio di minuti di corsa per svegliare la gambe intorpidite dal viaggio e di raggiungere la zona di partenza.
In concomitanza con la fine del periodo carnevalesco eccomi immerso nella folla ,come promesso alla vigilia, in versione SpiderAME.
Nella ressa scorgo Nerino e Marco Cattaneo ed al colpo di pistola ,come di norma accade in codesta maratona,vedo atleti sfrecciare nei primi km. in discesa verso Fidenza a velocità supersoniche. Non mi faccio coinvolgere da questa pericolosa euforia e cerco di mettere fieno in cascina già nei primi 10 km. perchè sono conscio che la seconda parte di gara sarà piuttosto impegnativa. Faccio da traino ad un gruppetto sino al 18° km. poi siamo raggiunti da un quintetto d'atleti i quali però viaggiano ad un ritmo proibitivo per il sottoscritto motivo per cui decido a malincuore di non accodarmi , con la risultante che dovrò fare gara quasi in solitaria dopo il traguardo di Soragna. In effetti raccolgo le ultime energie sia fisiche che mentali e malgrado una scarsa reattività muscolare giungo in versione SpiderAME nella gloriosa piazza di Busseto piuttosto provato ma gioioso per aver concluso degnamente un'altra maratona.
Mi complimento con l'amico Stefano Daminelli mio compagno di società arrivato poco prima e apprendo con immensa soddisfazione del record personale di Nerino mentre andiamo in macchina allo stadio per fare una doccia ristoratrice. La mia estrosa pazzìa decide d'immortalare,con l'ennesimo scatto fotografico subito dopo la doccia, la bella compagnia d'amici tra i quali Nerino. Scopro d'essere entrato tra i primi venti della graduatoria finale (ma dove sono andati a correre gli atleti forti questa domenica ?) per cui in attesa delle premiazioni incrocio Scotti e Daddo con i quali è d'obbligo una foto celebrativa. Operazione ripetuta subito dopo la linea d'arrivo con la Miky mentre vana è l'attesa per rincontrare Mangiastrada il quale trova la giornata storta e conclude in ritardo rispetto al tempo previsto. Devo ringraziare Osso e Tommaso per avermi accompagnato a Salsomaggiore , gli amici di Briosco nonchè Corrado ed Alessandro per l'amabile compagnia post gara e durante il viaggio di ritorno. Ora terminata la felice parentesi podistica occorre riprendere la bicicletta perchè la stagione dedicata alla multidisciplina è alle porte ,quindi gettare le maschere di Batman e di Spiderman ed assumere le sembianze più consone allo scrivente ossia quelle di Ironmerd.

6 commenti:

Osso ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Osso ha detto...

Sei sempre un mito Ame.
E' stato un piacere e una gioia poter andare a Salso con te.
Ancora Complimenti.

Dreamande ha detto...

Non mi sento molto scudiero,però stavolta accetto l'appellativo perché non ho gareggiato.La prossima volta sarò anche io sul campo..ah,complimenti per la prestazione!!

xander ha detto...

Ame, ti rifaccio i miei complimenti per la maratona in quel di Salso! E spero prima o poi di poterne correre una con te, inteso dall'inizio alla fine...

Il Vichingo ha detto...

Caro Americo sei il migliore e non vedo l'ora di poter tornare a correre una maratona intera in compagnia tua e di Nerino.
Enrico

AME ha detto...

Quale onore trovare un tuo commento Enrico... spero d'incontrarti al più presto perchè restare in tua compagnia è sempre per me un enorme piacere!