domenica 7 gennaio 2007

Battesimo con i Runners correndo come ai vecchi tempi

 Podio maschile comprendente i primi 15 classificati
 in compagnia dell'onnipresente Antonio Margiotta e di Nerino
 In prima fila il Vichingo Vedilei, Marco Cattaneo e Daniele Cesconetto
 Nerino, Ame e Daniele


Dopo le buone sensazioni provate alla Maratona di S.Silvestro il maledetto catarro unito ad una fastidiosa tosse non mi avevano permesso di passare una settimana molto rilassante con una serie di notti insonni. Finalmente lo sciroppo nella giornata di venerdì ha cominciato a far sentire i suoi benefici effetti così da poter presenziare nel giorno dell'Epifania alla Maratona del Brembo organizzata magnificamente dai Runners Bergamo e sancire ufficialmente il mio ingresso nel sodalizio bergamasco. Il duplice intento era quello di percorrere una mezza perchè sinceramente, anche se nessuno ci credeva ,ero piuttosto debilitato e ritrovare alcuni degli amici compagni di corsa alla fine dello scorso anno. Quando dopo pochi km. dalla partenza mi sono trovato affiancato agli amici storici di tante avventure podistiche il "Vichingo" Enrico Vedilei, abruzzese trapiantato per amore in Romagna e protagonista di tante gare con la nazionale della 100 km., ha esclamato: "che bello ! come ai vecchi tempi....." e sul volto di tutti i componenti il gruppo è comparso un sorriso di compiacimento. Della comitiva facevano parte il giovane talento trevigiano reduce da un a 24 ore di corsa a Vienna Daniele Cesconetto e compagno del Vichingo nella neonata società Extreme Runners, il tenace ultramaratoneta Marco Cattaneo, il Nerino Paoletti.Questa radicata amicizia che ci unisce nello sforzo si è nel corso degli anni consolidata ed è sempre una grande gioia poter soffrire unitamente a codesti amati personaggi. Il percorso di 2,093 km. all'interno del Parco Callioni a Roncola di Treviolo (BG) poteva risultare psicologicamente monotono alla luce dei 20 giri previsti ma grazie alla sopraccitata compagnia tutto è filato via liscio e alla fine l'abbraccio con Nerino e Daniele mi ha ripagato dello sforzo compiuto, imprevisto alla vigilia. Solo grazie alle bonarie intimidazioni di Nerino che mi aveva promesso di prendermi a calci in c... nel caso mi fossi fermato ho fortunatamente proseguito la corsa sino al traguardo e assaporato un altro magico momento della mia avventura sportiva. Ringrazio in primis gli amici organizzatori della manifestazione la quale , a mio modesto parere , ha tutti gli ingredienti per soddisfare anche il podista più esigente e tutti i simpatici volontari senza i quali nulla di tutto ciò avrebbe modo d'esistere. Per ringraziare tutti gli amici podisti con i quali mi sono piacevolmente intrattenuto dovrei creare un altro post con la possibilità di dimenticarne qualcuno....quindi mi limito a sottolineare la gradita accoglienza avuta dal segretario dei Runners Gregorio Zucchinali ieri grande protagonista della gara ed autore del suo primato personale (bravo!) e il Presidente Di Nardo che ogni tanto fa qualche apparizione nel mondo del triathlon. Mi stavo dimenticando di sottolineare la solita gradita ed indispensabile presenza della famiglia Rossi con Fabio in qualità di speaker ed Antonio come fotografo delle foto presenti in questo post. Come faremmo senza di loro ?



6 commenti:

Marco ha detto...

ciao ame, belle foto !
scorrendo la entry list di IM Zurigo 2007 ho notato la presenza di uno di Lecco, ma non iscritto come Triathlonlecco... tale Paolo Sala del 1970, lo conosci ?

AME ha detto...

No non lo conosco.......

pirana ha detto...

Ciao Ame, ieri ho pedalato per 54 km ed alla fine mi sa che ero più stanco di te..

Osso ha detto...

Ciao Ame tutto bene? Prima di tutto buon anno.
Ci sarai il 25/2 alla Maratona delle Terre Verdiane?
Se si potremmo andarci insieme.
Fammi sapere Ciao

Osso ha detto...

Grande Ame allora ci accorderemo per il viaggio, naturalmente dovrai aspettarmi all'arrivo.

ricardo ha detto...

hola amadeo, soy ricardo de talavera, amigo de pablo que estubo este año en elba, me alegra cantidad verte de correr, ya recuperado de tu lesion, un saludo y nos vemos en proximos IM.
CHAO.