venerdì 22 febbraio 2013

Mezza del Castello


 
I tre moschettieri 
Finita !

Come era logico prevedere dopo la Maratonina di Lecco il fisico necessitava di un doveroso stacco dalle competizioni per cercare di risolvare l'annoso problema tendineo oramai stranoto a chi ha letto le precedenti puntate.
Due settimane di manipolazioni, laser, dolorosa fibrolisi con in mezzo un paio d'uscite brevi di 30-40 minuti ma la situazione non si è risolta e domenica scorsa ero di nuovo ai nastri di partenza di una mezza con la spada di Damocle sulla testa :-(
E te pareva! Telegiornali , siti meteo on line ed ecco l'immancabile arrivo della corrente fredda dal nord Europa e le previsioni parlano di temperature mattutine ben al di sotto dello zero soprattutto per quanto concerne la percezione delle stesse.
"For the first time" sarò al via della Mezza del Castello a Vittuone contento di rivedere i compagni di merende coi quali ho condiviso le mezze di Novara e Lecco , vale a dire l'allievo Roberto "Baby face" ed il corridore senza soluzione di continuità Giuseppe :-)
Al risveglio mattutino domenicale, aprendo la finestra della camera da letto, credevo di trovare i tetti imbiancati dall'ondata di gelo prevista, invece consultando in rete le stazioni meteo del Centro meteorologico lombardo noto temperature attorno ai 2 gradi e sorrido ironicamente...
Viaggio rilassante , praticamente in assenza di traffico stradale, tant'è che giungo in abbondante anticipo sulla tabella di marcia guarda caso contemporaneamente a Roberto.
Approfittiamo della mancanza di ressa per il consueto ritiro della busta contenente pettorale e chip, e nel frattempo arriva Giuseppe. Ci racconta delle sue innumerevoli uscite di corsa, il locale si riempie quindi decidiamo d'uscire e recarci negli spogliatoi . Quest'ultimi come si suol dire "sono esauriti in ogni ordine di posti" perciò l'unica soluzione è cambiarsi d'abiti sotto il tendone predisposto come deposito borse.
Corsetta riscaldante per avvicinarci alla zona di partenza e poi sostiamo in griglia attendendo il colpo di pistola. Lo speaker annuncia la presenza di ben 1.000 iscritti e pur essendo nelle prime file, sin dalle prime battute, sono costretto a zigzagare per via del solito malcostume italico. Ribadisco il concetto espresso già in passato sforzandomi d'utilizzare un gergo cordiale, rivolgendomi a te "caro amico podista  posizionato in prima fila col solo interesse di farsi immortalare dai fotografi. Mettiti una mano sulla coscienza e la prossima volta rifuggi le luci della ribalta e parti da dove la logica vorrebbe..." ;-)
Il percorso sin da subito si mostra scorrevole con la mente concentrata ad auscultare le sensazioni inviate dalla parte sofferente, la quale non si mostra tale. L'evidente pessima forma fisica consiglia d'impostare un'andatura non troppo audace ed i chili in eccesso s'avvertono eccome !
Occorrerà attendere l'arrivo della bella stagione per risalire sulla bici da crono e bruciare qualche caloria in più, ma quel che conta è l'assenza di dolore. Non sono caduto nella trappola suicida del volere ricercare il limite massimo ma, pur faticando, ho lasciato un leggero margine.
Molto scenografico il finale con un breve strappetto affrontato in scioltezza seguito da una breve discesa sino al traguardo. Sono felice d'aver potuto correre scevro da condizionamenti mentali, se non sino a metà della prova e spero di poter concludere degnamente l'impegno gravoso di domenica prossima , vale a dire la Maratona delle Terre Verdiane. 
Ringrazio come sempre Roberto e Giuseppe,  amabili partner sportivi coi quali mi trovo molto in sintonia perchè doatati della giusta verve ironica.
L'allievo sarà della partita anche a Fidenza da dove partiremo per raggiungere Busseto sulle note del Maestro, correndo nell'anno in cui cade il bicentenario della sua nascita.
Dedica speciale per l'amico Simone Grassi venuto a mancare oggi, lasciando, in chi ha avuto l'onore ed il piacere di conoscerlo, un profondo senso di tristezza. Lo ricorderò sempre come un guerriero, una persona esemplare sia sotto il profilo sportivo che umano.

R.I.P. and God bless you Simone!


 

2 commenti:

Olivier Drchance ha detto...

Ho una domanda sul tuo booster. Ho problemi di anca, a te aiuta ?

Ame ha detto...

Li uso principalmente per i polpacci che ho spesso contratti. Non ti saprei dire se possono esserti utili per il problema all'anca ...