giovedì 6 giugno 2013

In compagnia di Simone

                                                                           Felice !!!!
Con Sara ed Alina prima della partenza
 
Archiviata l'ennesima iron- avventura in quel di Lanzarote l'imperativo categorico era quello di recuperare energie psicofisiche e resettare la mente in vista dell'imminente e significativo impegno.
Quale? La 100 km del Passatore, fiore all'occhiello dell' ultramaratona italiana, ambita da ogni podista desideroso d'abbattere il muro dei canonici 42,195 km ed arricchire con questa "perla" il proprio palmares sportivo. E’ sempre stato un sogno nel cassetto poter concludere la regina della ultramaratone italiane e la vicinanza con l’Ironman di Lanzarote si è sempre rivelata un freno psicologico, perché temevo di soffrire oltre il dovuto col rischio di trascinarmi al traguardo di Faenza.
Quest’anno non avevo alcun dubbio, né m’interessava arrivare strisciando, in quanto dovevo onorare la scomparsa di un caro amico, Simone Grassi, eccelso protagonista  in codesta prova riuscendo a classificarsi 12° assoluto. In seguito un male incurabile s’impossessò dei suoi polmoni privandoci di una persona molto amata da coloro i quali hanno avuto il piacere di conoscerlo.
Il suo sogno era divenire un Ironman Finisher e, considerata l’amicizia fra noi, c’eravamo sentiti perché voleva capire com’era strutturato un mondo a lui sconosciuto e ricevere le giuste dritte per intraprendere la nuova esperienza sportiva. S’era iscritto all’Ironman di Regensburg ma poi la triste notizia tarpò le ali all’amico cesenate, il quale riuscì a circoscrivere l’ospite indesiderato e raccontò i trascorsi sportivi e la sua personale battaglia in un libro intitolato “Lo zen , la corsa e l’arte di vivere il cancro”. Dietro all’apparente flemma da gentleman si celava un leone e come tale riuscì a combattere sino allo stremo delle forze dimostrando a tutti quanti il suo spessore umano.
Ho cercato di mantenere vivo il suo ricordo correndo, in alcuni appuntamenti podistici, con una t-shirt sulla quale compariva la scritta “Simone sarai sempre con noi”.  Per tale motivo l’organizzazione del Passatore mi ha gentilmente concesso un pettorale della loro gloriosa gara ed istituito un premio alla memoria di Simone destinato al miglior esordiente.
Il flagello meteorologico senza sosta è una persecuzione che si trascina dallo scorso inverno,. privandoci di quella stagione denominata primavera, e del susseguente rialzo termico . Scrutando i vari bollettini meteo, tutti erano concordi nel prevedere condizioni estremamente negative concernenti il "coast to coast" Firenze- Faenza con la presenza di temporali d'intensità moderata sparsi ovunque.....
Poco importa, niente poteva fermarmi perché ero “in missione per conto di Simone” e sotto lo striscione d’arrivo era d'obbligo transitare in due….
Acquistato il biglietto del treno con largo anticipo, ho potuto usufruire degli sconti riservati da Italo e giungere in stazione a Santa Maria Novella in sole tre ore. Accolto da freddo e pioggia, in attesa dell'arrivo di Sara, un'amica comune dell'istrionico Matteo Fusetti, pranzo seduto in stile "homeless" con pasta condita da tonno e verdure  . Il tragitto per giungere in Piazza degli Strozzi dove avviene la distribuzione dei pettorali è ovviamente sotto la pioggia, sgradita e purtroppo fedele compagna durante tutta la giornata.
Ormai la borsa è completamente bagnata e ci rifugiamo sotto i portici, adibiti a spogliatoi di fortuna da parte dei partecipanti , per il cambio d'abbigliamento e preparare lo zainetto, destinato al Passo della Colla ,da consegnare ai camion predisposti dall'organizzazione.
Il gilet antivento, ed in questa occasione antipioggia, è un elemento indispensabile anche se copre la dedica a Simone stampata sulla canotta societaria, però piove a dirotto quindi è d'obbligo indossarlo.Con Roberto , alias "Il mago delle ruote", e la timida Sara troviamo rifugio e tepore all'interno di un ristorante self service e poi ci dirigiamo in Piazza della Signoria. Da lì raggiungiamo Via dei Calzaiuoli in attesa della partenza e mentre risuona l'inno italiano siamo già completamente fradici e consapevoli d'avere in programma una "problematica" passeggiata lunga 100 km. Evito accuratamente e saggiamente di pensare a quanto potrei essere stanco, a quando la fatica presenterà il conto e dovrò forzatamente camminare. Vivrò ogni istante, ogni metro percorso con la spensieratezza di chi nulla ha da temere nè da chiedere se non alzare le mani al cielo quando giungerò a Faenza. Lo speaker allerta i concorrenti delle sfavorevoli condizioni climatiche segnalate alla Colla di Casaglia e l'invita ad usare il buonsenso....
Trovo fortunatamente la simpatica compagnia del bolognese Sandro Tosi , preparatosi a puntino e corro affiancato a lui sin dalla prime battute, sorpreso dalla prima impegnativa erta che ci condurra a Fiesole. Sinceramente m'aspettavo qualcosa di più soft ed intimorito dalle pendenze, a tratti significative,salgo di conserva. Durante l'azione di corsa nell'abbassare la testa noto,con immenso dispiacere, l'assenza del chip legato con velcro alla caviglia sinistra durante la vestizione. Ad ogni punto di controllo dovrò fermarmi e dichiarare la perdita ai giudici Fidal.
16° km , finalmente si scende ! e fino a Borgo San Lorenzo il tracciato sarà un tranquillo trasferimento in vista della Cima Coppi della gara,ossia la lunga risalita verso il Passo della Colla di Casaglia situato a circa 900 mt. slm. Saranno quasi 17 km d'ascesa e dalle prime rampe rimango sorpreso nel vedere Sandro staccarsi, lasciandomi in compagnia di un esile podista abruzzese visibilmente a suo agio in siffatte situazioni.
Sebbene la temperatura abbia il preventivato calo, sorprendentemente, non patisco il freddo in virtù del fatto che la pioggia concede una tregua. Giunto alla Colla getto lo sguardo alla ricerca dell'immaginario tendone contenente le borse trasportate qui dalla partenza, non lo vedo e tiro diritto pensando sia situato più in basso.
Mentre scendo, correndo, chiedo ad un altro concorrente dove sia il famoso luogo destinato al cambio e quando costui esclama "era al Colle il camion con le borse!" lo sconforto s'impossessa di me e cado letteralmente in uno stato confusionale. Senonchè blocco due "angeli" in mtb e li supplico di tornare al Passo a recuperare lo zainetto. Costoro, impietositi, fanno marcia indietro e trascorsi dieci minuti eccoli tornare come manna piovuta dal cielo, poichè iniziavo ad avvertire brividi di freddo e smanioso d'indossare qualcosa d'asciutto. La discesa verso Marradi con i quadricipiti  ben "rosolati" consiglia un approccio cauto, in modo tale d'affrontare la fase più critica con ancora qualche molecola di glicogeno a disposizione. Raggiunto il 70° km sento un'auto strombazzare e vedo alla guida il buon Sandro, il quale dolorante ad una gamba ha intelligentemente preferito abbandonare la corsa. Gentilmente si ferma e sfrutto questo imprevisto ristoro volante, bevendo e concedendomi un attimo di relax.
Sono al dessert, non alla frutta, i pensieri negativi s'annidano tra i meandri del cervello e nemmeno immaginare Simone incitarmi è stimolante, al punto da dover passeggiare ogni tanto con lo scopo di ritrovare sollievo e liberare la mente.
I passaggi nei piccoli centri abitati risultano essere un'iniezione al morale grazie all'incitamento ricevuto dai ragazzini tanto quanto i ristori, oasi nel deserto della fatica. Sfortunatamente, dopo l'attraversamento di Brisighella, veniamo dirottati su una strada trafficata, abbagliati dai fari accecanti delle auto e questo tratto alquanto triste associato alla spossatezza, padrona del mio corpo, rendono interminabili e gravosi gli ultimi 10 km.
Mi scuso con Simone perchè correre a simili velocità da bradipo è come farlo sul posto :-D
Come in una favola a lieto fine è inebriante scorgere le luci della città di Faenza, iniziare il countdown dei chilometri attendendendo l'ultimo per accellerare e gustare ogni singolo passo dello stesso.
Piazza del Popolo , vedo in fondo il gonfiabile dell'arrivo, è fatta Simone  !!! :)
Transitare sotto il traguardo è stata l'apoteosi della gioia ed ancora adesso, mentre sto scrivendo, rivivo quelle intense emozioni. Finché vivrò non scorderò questo indescrivibile e toccante momento impresso nel mio cuore.
"I had a dream." e  l'ho realizzato in compagnia di Simone.......

God bless you !!!

7 commenti:

andrea belletti ha detto...

Grande Ame! È stato bello sapere che eri lì con Simone. Grazie del bellissimo resoconto.
Andrea

andrea belletti ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Christian Bartolini ha detto...

Grazie, grazie, grazie. Sei un grande. Christian

Ame ha detto...

Mi sembrava doveroso ricordarlo nella gara dove si era ben comportato ed ha aiutato anche me nell'ononarlo degnamente

Mauro Battello ha detto...

Ame quanto hai scritto mi ha emozionato tantissimo, vuoi perché me l'hai fatta vivere come nessuno finora, coi dettagli, e vuoi xkè ho tutta l'intenzione di correrla il prossimo anno coi tuoi stessi intenti: farmi fare strada da Simone x 100km!!!
So che con lui a fianco posso farcela a finirla!!! Intanto mi sto già allenando ;)
Complimenti ancora, sei stato un grande!

Ame ha detto...

Forza Mauro sarà una bellissima ed emozionante avventura anche per te. Non so se la rifarò l'anno prossimo sempre ad una settimana sa un impegno gravoso come lo è l'Ironman a Lanzarote

Mauro Battello ha detto...

io ci sarò, è una delle promesse fatte a Simone! e crollasse il mondo ma taglierò quel traguardo!