martedì 10 marzo 2009

Stra...felice !

                                              
                                      Ame & Miky :-)

Mai come questa volta posso ritenermi soddisfatto d'aver portato a termine una gara poichè le avvisaglie di un ritiro anzitempo dalla stessa si erano manifestate in un evidente mal di gambe frutto della mia scellerata voglia di correre tutta la maratona a Piacenza.La scoperta dei propri limiti ,la ricerca dentro se stessi di quelle energie mentali necessarie per concludere un'ultramaratona ed il supporto morale che sapevo d'avere, anche se non direttamente sul posto, mi hanno convinto a provarci seppur timoroso di non farcela.
Strasimeno una manifestazione la quale, seguendo la moda del momento ,racchiude in sè cinque distanze.
La partenza per tutte è ubicata nel caratteristico centro storico di Castiglione del Lago (PG) , a Tuoro l'arrivo della 15 km, a Passignano quello della Mezza Maratona, a Magione della 30 km, la Maratona a Sant'Arcangelo (valida come 2° campionato nazionale ferrovieri di maratona). Per gli ultramaratoneti desiderosi di compiere l'intero giro del lago umbro i km da percorrere sono ben 58 e considerando che fra due settimane sarò al via della 100km della Brianza ,era imprescindibile per il sottoscritto cimentarsi su quest'ultima distanza.
Per spezzare il viaggio d'andata venerdì pomeriggio faccio tappa a Bologna dall'amata coppia formata dal Mazzo Mr. Tigella e dall'adorabile consorte Monica :-) e come sono solito sottolineare l'accoglienza è da applausi ,la simpatia e la sincera amicizia che ci lega un qualcosa che mi riempie di gioia ogni qualvolta li abbraccio.
La sveglia Monica sa della mia golosità e non posso sottrarmi dal gustarmi la sua favolosa torta al cioccolato piuttosto calorica, ma una vera delizia per il mio palato. Mitica Monica la donna ideale da sposare ! :-)
Ma la ciliegina sulla torta della serata è la visita a casa del Capitano Gira e della neomamma Silvia per ammirare le Twin Flowers ,Agnese ed Alice, splendide creature che sprizzano salute ed accettano con piacere le coccole di tutti noi. Lunga e prospera vita alle gemelline è l'augurio sincero da parte dello Zio AME :-*
Sabato di prima mattina con immenso dispiacere debbo lasciare il capoluogo emiliano e dopo un tranquillo viaggio eccomi a Castiglione del Lago per ritirare il pacco gara ed ammirare dal borgo antico l'ameno panorama del Lago Trasimeno quindi ripresa la tangenziale verso Perugia mi fermo a Ellera di Corciano per sistemare i bagagli nel grazioso hotel che l'amico Giuseppe si era premurato di trovarmi. Contattata la Michy ,guida perugina d'eccezione per lo scrivente, ci rechiamo in visita della città vecchia ed è suggestivo ammirare il Duomo e gli altri monumenti ricchi di storia. Ridiscesi nella parte bassa del capoluogo umbro ci fermiamo nella cittadella sportiva dove faccio conoscenza di Annabella e Simona amiche della Michy ,indi ritornato in hotel breve relax ,cena ,che risulterà essere una doppia pizza, e visione distratta del derby della Mole con vittoria sofferta dei bianconeri :-)
Dopo una nottata tranquilla, come già preannunciato dai bollettini meteo ,la mattina della gara presenta una temperatura mattutina piuttosto freschina ma poi un caldo sole primaverile allieterà la prova permettendoci di vivere intensamente una giornata di sport come l'intendo io vale a dire correre soffrendo ma sostenendosi l'un l'altro.
Elencare tutti gli amici incontrati sarebbe pura follia ma desidero ringraziare la premiata ditta Carlin , Michele e Monica per l'amabile compagnia durante i primi 33 km poi ho ben pensato ,considerato lo stato precario di forma dei mie quadricipiti, d'informare Monica del mio sapiente calo di ritmo. Complimenti all'atleta trentina vincitrice della gara femminile seppur non in condizioni fisiche ottimali ed un sentito e doveroso ringraziamento al fratello Michele autore di una miriade di scatti fotografici dove vengo ritratto spesso accanto a Monica. Ne attendo qualcuno con ansia...
Che dire della mia personale gara? una prova alla ricerca del salviamo il salvabile soprattutto dopo il 33° Km dove mi son reso conto di come i quadricipiti cominciavano a dar segni di "legnosità" quindi ,malgrado un brusco rallentamento e qualche tratto camminato per liberare ed allievare la mente da dolore ,sono strafelice d'esser giunto al traguardo col sorriso sulle labbra.
Ora dopo il duplice sforzo compiuto, Maratona di Piacenza e Strasimeno, riposo, riposo ,riposo ed indispensabile sarà recuperare al più presto l'energie soprattutto mentali per affrontare il gravoso impegno della 100km della Brianza il 22 marzo. Fedele al mio motto "mai tiras indrè " darò tutto quanto è nelle mie possibilità per onorare l'impegno e raggiungere il traguardo nella terra dove sono cresciuto sempre, ovviamente, col sorriso sulle labbra claro ! :-)

God bless you !!!

4 commenti:

Stefy ha detto...

Occhio all'impegno gravoso che ti aspetta il prossimo we...... ;)))

AME ha detto...

ma sarò in splendida compagnia non lo sai ? ahahahha

OSSO ha detto...

Bravo Ame non avevo dubbi complimenti.

Bellabigo ha detto...

beato tra le doneeeeeeee