venerdì 14 settembre 2007

CHE DISGRAZIA !!!!!!

a me piace ricordarlo per tutta la vita così......

Questi sono i post che non vorrei mai scrivere ma la tragica scomparsa del pluridecorato duatleta belga Benny Vansteelant non poteva passare inosservata e mi ha sconvolto profondamente e non mi sembra vero d'avergli parlato personalmente solo tre settimane fa quando incrociandolo a Zofingen gli strinsi la mano sempre positivamente colpito dalla semplicità disarmante di questo ragazzo timido che non dimostrava i suoi 30 anni d'età.Il destino avverso ha voluto che lo sfortunato Benny venisse urtato da una macchina in allenamento nella località di Gits lo scorso sabato ed operato il giorno stesso nell'ospedale di Roulers. Uscito dalla terapia intensiva ieri e sistemato in una camera normale è deceduto dopo un tentativo di rianimazione questa mattina.
Un grosso vuoto rimarrà dentro noi e per chi come lo scrivente ha avuto il piacere e l'onore di conoscerlo anche molta tristezza.Per rendersi conto della grandezza sportiva del compianto Benny visitate il suo sito


God bless you Benny!

5 commenti:

irotante ha detto...

Cia amadeo,veramente una bruta noticia io non saprei riconocere su la foto ¿podresti dirci la sua posicione ? como saprai e un risico su la estrada per tute noi.
e un giorno triste per tuti noi....

AME ha detto...

Tante è il ragazzo al centro della foto con la maglia n. 78.
La strada per noi che pedaliamo è sempre pericolosissima perchè il traffico è a livelli ormai insopportabili......

stefano spina ha detto...

Ciao ame, anch'io sono rimasto sconvolto dalla ntizia di Vansteelant!
Mi piace ricordarlo come quando lo intervistai a Geel al mndiale di duathlon del 2004, appena tagliato il traguardo, mentre mi rispondeva con in mano un boccale di Duvel da 50 cl....era anche una cmpione di semplicità e aveva rifiutatop svariate proposte di squadre Pro di cilcismo perchè non voleva doparsi...
Bravo Benny, rimarrai nel nostro cuore!
Ste

moro ha detto...

caro i.m.d. sono Marco Moretti, quello che ti ha rassicurato alla partenza dell'Elbaman, cercando di convincerti che il mare era calmo.
Poi tu mi hai persino riconosciuto ed incitato quando mi hai passato in bici al 2^ (3^ ?) giro. Sarei il Giuliacci insomma. Ma credimi il mare era calmo. Evidentemente era parecchio che non vedevi il mare davvero mosso. Meglio così. Ma non è di questo che ti volevo parlare.

Mi aveva parlato di te Stef.Spina che è stato ospite da me in occasione dell'acquathlon che si è fatto a Napoli e sinceramente mi era sembrato a proposito del tuo soprannome che avesse sparato una 1/2 cazzata. A volte lui le spara! Non proprio grosse ma le spara.

Ed invece era tutta realtà!! Sorpresa! Stupore !! Sbigottimento !!?!! Estasi !!!
Ironmerd esiste davvero !!
E così oggi ho riferito di te a mia figlia (Gaia, 6 anni, che sa benissimo cos'è un ironman, ne ha visti 3 o 4 di già!) e lei dopo che le ho detto il tuo soprann. mi fa: "ma si chiama iron di nome e merd di cognome?.... no dai!"
Comunque mi complimento per tutto... il tuo blog è un vero spasso.
Ci siamo molto divertiti.... tutti in famiglia. E' un vero concentrato
di schiettezza emiliana (o romagnola... non vorrei sbagliarmi).

Spero di rivederti next year all'Elba (io ci andro'? .... bho!)
o prima altrove. Così se c'è Gaia potrà avere la fortuna di conoscere un nuovo supereroe..... IRONMERD
Alla prossima.

Haloa

AME ha detto...

caro Marco (se non ho capito male sei il simpatico baffo napoletano amico di Giacomo Vinci)ovviamente il riferimento a Giuliacci era ironico e non voleva essere un motivo per giudicarti incompetente anche se potrai essere concorde con me che l'onda lunga è piuttosto fastidiosa.....
Effettivamente il mio nick name è un po' brutale soprattutto per la tua piccola Gaia ma era nato il secolo scorso per cercare di sdrammatizzare la figura del super eroe ossia dell'Ironman.Molti di coloro che concludono un IM si ritengono persone erroneamente di un livello superiore usando il termine Iron davanti al loro nome quasi per differenziarsi dal resto degli sportivi ma la dicitura uomini di ferro stride con la nostra natura umana. Siamo tutti fatti di carne ed ossa con le nostre crisi che durante una gara così complessa ci condizionano e ci riportano sulla terra ricordandoci che siamo umani e quindi deboli....
Il mio unico scopo è quello di conoscere durante il mio girovagare nuovi personaggi ed allargare la cerchia delle conoscenze. E' stato un piacere conoscerti e per qualsiasi motivo puoi contattarmi alla mia mail ambonfa@tin.it
Per dover di cronaca sono brianzolo ma invidio la genuinità e la simpatia delle genti emiliane e romagnole.